Crea sito
RSS Feed

Avrei voglia di dire qualcosa …

0

aprile 20, 2017 by Vincitore Locarno

Avrei voglia di dire qualcosa.
Spesso mi accade. Solitamente è un dolore che senti sul petto e no, non si tratta di angina pectoris. Ma poi scende giù.  A volte si accompagna a senso di nausea come quando poi ti verrà da vomitare.
Il più delle volte è associato ad un insistente mal di pancia. Il fatto è che non sai più nemmeno distinguere dove si trova la pancia dato che il fastidio è diffuso e non sai dargli una forma.
A volte sai di cosa si tratta, altre volte lo sospetti ma preferisci far finta di niente.
A volte vorresti che sia proprio ciò di cui pensi, ma poi ti dici: no no, meglio di no. (e dopo 5 minuti desideri di nuovo che lo sia).
 Avrei voglia di dire qualcosa e sto per farlo…
… ma poi mi rinsavisco subito al terrore di essere tacciato di essere:
(in ordine alfabetico)
  • cattivo ; (del resto bisogna pur fare una distinzione se vuoi considerarti buono)
  • comunista; (desiderare un mondo di persone con uguale dignità, possibilità, senza sfruttamento a favore di qualcuno che accumuli la ricchezza che altri creano è evidentemente errato. salvo poi lamentarsi quando gli sfruttati sono loro o anche solamente non ottengono i privilegi o i meriti che pensano di meritare più degli altri: con sentenza del tribunale personale, naturalmente)
  • illuso; (quando ci si arrende ad una situazione, quando il tuo problema è alieno a colui/che hai davanti o l’altro è connivente col tuo problema, quello sbagliato sei tu che chissà che idee ti vai a fare)
  • inconcludente; (se vuoi riuscire e fare qualcosa, devi rischiare. cosa ? quello che non hai già rischiato e perso)
  • negativo; (non fare il guastafeste e piuttosto stammi lontano. lo streptococcus scalognonis è più virale dei video su Facebook)
  • pazzo latente; (questa la so anche se non me l’hanno mai detto in faccia);
  • pessimista; (non fare il guastafeste. mi sono fatto l’idea che prima o poi magicamente tutto andrà bene. ah, me l’ha detto un fantomatico universo, ci siamo sentiti al telefono proprio ieri)
  • serioso; (la parola giusta sarebbe una frase: “e fattela na risata”. me le faccio eh, le risate voglio dire… e continuerei anche a farmele. sapete quando ? me le farei nel momento in cui beccassi questo sostenitore della risata, immerso nella melma dei propri dispiaceri. e riderei insieme a lui)

 

P.S. Avrei voglia di dire qualcosa, per esempio su FB. Ma poi quando devi sentirti fare dei commenti idioti da persone che pensano di poterti consigliare senza avere la più pallida idea del motivo che ti spinge a parlare, allora dici: ma a cosa serve ?
E se lo faccio per me, perché dovrei farlo qui con persone che non mi conoscono davvero ? Cosa cerco da loro ? Cosa possono darmi ? Qual è il mio “guadagno” nel farlo ? Ecco perché preferisco farlo qui dove forse chi legge, davvero non mi conosce né di persona né per sentito dire. E chi mi conosce forse, dico forse, lo fa perché si muove verso di me ed allora FORSE NON SONO più assolutamente SOLO.


0 comments »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*