L’amore, il bisogno.

L’amore, il bisogno, il bisogno d’amore. Il bisogno di esistere per qualcuno.
La crudeltà verso se stessi.

Lui era stato lasciato sull’altare.. il giorno delle nozze.
Lei non si era neppure presentata (poi si seppe che era stata rapita).
Dolore misto a disperazione, rabbia anche.. ora che pensava di aver trovato una donna che lo amasse per quello che era, con tutti i suoi difetti, con il suo modo di essere tenero ed indifeso a volte, con il suo essere stronzo fino all’inverosimile, con la sua capacità di darsi a volte senza remore senza risparmiarsi.. ritornare sulle sue decisioni affrettate.. una donna che non lo amasse per il suo corpo, per il suo mestiere di chirurgo plastico, per i suoi soldi.

“Ti ringrazio di avermi fatto scegliere tra te ed il mio lavoro…” le scrisse lei in una lettera.

Il dolore presto si camuffò andando a rinsaldare la rabbia.
“Mi odio.. odio il mio lavoro, la mia carriera, i miei soldi, la mia macchina sportiva..e forse pago la giusta conseguenza di una vita in cui ho calpestato i sentimenti di chi mi ha amato…più o meno me… non lo so…”

Un giorno si presentò a lui, una donna, viso anonimo di quelli che forse non rimangono impressi.. corpo appesantito.. beh a dire il vero molti cuscinetti di adipe dappertutto..
“Non riesco ad avere un uomo.. non sono interessante per chi mi piace.. e non voglio nemmeno farmi piacere chi non mi va, so riconoscere comunque qualcuno che non mi piace… ecco.. vorrei che lei mi rimettesse a posto un pò tutto! Vorrei essere più attraente”

La rabbia ancora offuscava la mente del medico.. trattò la paziente senza riguardo, le disse che sarebbe stato meglio se avesse mangiato di meno.. se avesse cercato meglio un uomo magari anche pelato, non propriamente “bello”, grasso.. tanto non ci sarebbe stato niente da fare.. c’erano troppe cose da fare, sarebbe costato troppo per tutto quel che ci sarebbe stato da fare…

Lei non si perse d’animo ed insistette.. avrebbe voluto arrivare a piacere ad un uomo come il dottore.. ora poi che sapeva che era di nuovo single..

Il medico vista la risolutezza della donna, le chiese un rossetto e le chiese di spogliarsi di fronte a lui.. le marcò ogni centimetro del suo corpo poi la girò verso lo specchio e le chiese di guardare.. che scempio..
Ma lei voleva avere una chance ed il dottore non pago delle umiliazioni verbali passo a quelle di fatto.. le disse di passare la sera a casa sua..
“Vieni da me alle 20…”
Alle 20 era lì.. entrò.. lui l’accompagnò nella camera da letto: “meglio che ti metti un pò più a tuo agio.. togliti quel vestito.. ho fatto spese per te oggi..”

Sul letto, luogo dell’imminente incontro fisico, c’era un sacchetto di carta: “voglio che tu te lo indossi mentre scopiamo! Non ho per niente voglia di vedere la tua faccia, quindi non fare storie ed indossalo altrimenti non se ne fa nulla…”

Lei si mise il sacchetto e si adagiò con le mani sul letto protendendosi in avanti con il busto.. mentre lui l’afferrò da dietro penetrandola senza passione.. in silenzio.. solo il rumore del suo bacino che batteva ritmicamente sulle natiche della donna.. una macchina..ad un certo punto gli parve anche di vedere la sua sposa fuggita…

Lei non emise gemiti.. non disse una parola.. prese come potè quei minuti di un amore che amore non era, non era nemmeno scopare dopotutto.. era solo subire un corpo estraneo che la scavava senza la benché minima voglia di aderire a lei, di sentirla, ma solo quella di scaricarsi e finire il più in fretta possibile quell’assurdo spietato gesto.

Il dottore raggiunse l’orgasmo.. quasi senza dire nulla.. senza farsi sentire.. ed estrasse il proprio membro come un toro che avesse fatto il suo dovere….poi le diede le spalle non volle guardarla mentre lei si sfilò il cappuccio di carta dal capo e dei rivoli di pianto scorrevano sul suo viso..
Si rivestì senza cura..e se ne andò dal suo appartamento.

L’intervento ebbe comunque luogo.. e la donna dopo un breve periodo di convalescenza si presentò nello studio del chirurgo..
Si presentò ben truccata, capelli a posto, un vestito carino.. lui la guardò pensando di essere stato abbastanza crudele da far nascere in lei almeno un briciolo di amor proprio, un pò di orgoglio…accidenti !!

La visita… tutto a posto.. l’aspetto migliorato.. ma come ammonì allora: “non posso fare miracoli con un corpo così..”
Soddisfatta comunque per l’esito dell’intervento la donna fece per congedarsi.. ma poi si rivolse di nuovo al “suo chirurgo”..
“Sà, dottore.. ho fatto una ricerca in internet, ho scoperto di essere una persona masochista.. e siccome lei è un sadico, ho pensato che avremmo potuto essere una coppia perfetta… ecco dottore.. volevo dirle che tutte le volte che vorrà.. quando ne avrà voglia, mi chiami ed io verrò da lei….” disse questo estraendo dalla propria borsa un sacchetto di carta ed appoggiandolo sulla scrivania..

Il dottore ruotò la sedia e diede le spalle alla donna…
“venga da me domani sera alle 21….”
Sul viso di lui, le lacrime scorrevano copiose.. mentre una morsa di dolore gli stringeva il cuore.. una probabile condanna ad una vita che nulla avrebbe mai avuto di “normale”…

Pooh – Col Tempo, Con l’Eta E Nel Vento

Col Tempo, Con l’Eta E Nel Vento

Vorrei non avere mai capito ma c’è
che ormai non ci riesco più a morire per lei.
Da lei e da niente al mondo mi difendo ormai,
son tranquillo più che mai,
mi sta bene così,
dico sempre di sì.
E col tempo, con l’età
e nel vento
andranno via prima i volti uno per uno
le voci, i ricordi e tutto quello
che era mio, compreso io,
senza darmi un addio.
Vorrei non pensare a tutto questo perché,
in fondo, la mia donna è stata tanto per me,
cosi la difendo ad occhi chiusi anche se so
che ragioni non ne ho,
mi sta bene così,
dico sempre di sì.
E col tempo, con l’età
e nel vento
resterò uomo amato per metà,
un ribelle e poeta per metà,
solo con lei che non mi dà
neanche il poco che ha.

La Giornata Internazionale del nastro colorato.

Il 18 dicembre 1972, nel tunnel del Monte Bianco, un camion prende fuoco. Quando i pompieri spengono il rogo, restano increduli: la bolla di accompagnamento parlava di un carico di macchine da cucire, invece rinvennero i corpi di ventotto lavoratori originari del Mali che – nascosti nel cassone – tentavano di arrivare in Francia per una vita migliore. All’epoca non c’erano campagne mediatiche contro gli immigrati, nessuno speculava politicamente sulla loro vita. L’indignazione portò alla creazione di un tavolo di lavoro internazionale che produsse la Convenzione Internazionale sulla Protezione dei Diritti dei Lavoratori Migranti e dei membri delle loro famiglie, approvata dalle Nazioni Unite nel 1990. E il 18 dicembre venne proclamata Giornata Internazionale del Migrante. Da allora, di migranti ne sono morti a decine di migliaia e troppi Paesi non hanno ancora ratificato la Convenzione. Tra questi, l’Italia.

 

Nastri per tutti i gusti

Nastri per tutti i gusti

Mi è sfuggito. Oddìo non lo sapevo per niente.
Eppure non credo di dire un’eresia se affermo che c’è una giornata internazionale di qualcosa quasi tutti i giorni. Una giornata che i giornali ricorderanno, che molti condivideranno e/o commenteranno e che l’indomani dimenticheranno.

Qualche giorno fa per esempio… era la Giornata contro la Violenza sulle Donne.
C’è sempre qualche anima bella che s’incarica di suonare la carica al mondo (un po’ come me adesso), raccoglie qualche applauso, pochi commenti, in realtà avrei creduto di più. Poi  il giorno dopo PUFF !
In questo caso si trattava di un forum Off di un gioco di ruolo; persone di tutte le età, molto ben assortite tra uomini e donne. Ha iniziato un uomo e naturalmente dietro qualcun altro, un paio di donne e niente di più.

Ho provato a rintuzzare la discussione cercando di ampliarla, di renderla propositiva, ma dopo il silenzio di qualche giorno un paio di risposte hanno svicolato sulla violenza alle donne gettando tutto sulla violenza (pena di morte) verso i violenti contro le donne.

Che dire ? Quando tutti i giorni è domenica, chi sa più cosa significa una festività ?
Se poi arriva persino la Giornata Internazionale dell’Immigrato e nessuno te lo ricorda nemmeno, allora l’unica cosa che puoi pensare è che non bisogna proprio correre il rischio di ricordarla.

Mi vengono in mente i nastri colorati. Ce n’è uno per qualsiasi cosa ed il difficile è riuscire ad abbinare i colori alla causa. Onorevoli intenzioni per carità, effetti pochi mi sembra.
E’ un po’ come l’attivismo da Facebook: tutto si risolve in un click. Zero minuti per riflettere ché c’è già qualcos’altro da condividere, una foto da “piaciare”.

Ho una collezione di nastri colorati, come fossero cravatte. Devo abbinare quella giusta col giorno giusto. Domani ne indosserò un’altra e se pensiamo che di tonalità di colori ce ne milioni…
Accidenti, non posso fare a meno di ripensare a quando nell’ormai famoso telefilm “Breaking Bad” cadde un aereo sulla città di Albuquerque, il giorno dopo era giù pronto l’apposito “ribbon”.